Catalogna, la vendemmia di Corpinnat condizionata dall’oidio e dal global warming: meno 70% di raccolto

E’ iniziata la vendemmia in Catalogna: le cantine del marchio collettivo Corpinnat hanno già iniziato il raccolto contrassegnato quest’anno dalla piaga dell’oidio che ha colpito i vigneti di Penedès in modo molto virulentoMacabeo Parellada, due delle varietà storiche di base per la produzione di spumanti, sono i vitigni più colpiti, mentre lo Xarel – lo ha resistito meglio alla peste anche se la produzione sarà anche significativamente diminuita. Le cantine Corpinnat prevedono una riduzione della vendemmia  tra il 60% e il 70% quest’anno, a seconda di ogni vigneto. La piaga dell’oidio ha avuto effetti più devastanti sui vigneti coltivati biologicamente, come tutti i Corpinnat, poiché questo tipo di agricoltura non consente l’applicazione di sostanze chimiche sintetiche per combattere il fungo, fatta eccezione per i trattamenti preventivi rispettosi dell’ambiente, le risorse naturali e la qualità delle uve.

Nelle aziende vinicole GramonaRecaredoTorell o Sabaté i Coca and Mas Cand è iniziata la scorsa settimana la raccolta delle prime varietà storiche, come Macabeo, e nei prossimi giorni Xarel lo, e più tardi la Parellada, le tre varietà di base tradizionali con cui vengono prodotti i metodo classico catalani. Le altre cantine  – LlopartNadalHuguet de Can FeixesJalia Bernet e Can Descregut – inizieranno la raccolta nelle rispettive aziende agricole questa settimana. La raccolta in tutte le cantine sarà estesa fino alla seconda settimana di settembre, con le varietà più tardive.

Il raccolto eccezionalmente scarso di quest’anno ha dimostrato ancora una volta gli effetti del cambiamento climatico sul ciclo vegetativo della vite, con condizioni più estreme e imprevedibili come siccità o piogge persistenti e alte temperature. Infatti, le precipitazioni in eccesso durante la primavera e l’inizio dell’estate hanno portato ad un’umidità permanente nella vite che ha stimolato la comparsa dell’oidio nel momento più delicato della fioritura.

Per il settore vitivinicolo questo è stato particolarmente duro perché, oltre alla piaga dell’oidio, le cantine hanno subito duramente gli effetti della crisi del Covid-19, con un calo significativo delle vendite che ha costretto a ridurre l’attività delle cantine. Hanno anche dovuto adottare misure di sicurezza per proteggere la salute dei lavoratori e, in questo senso, le cantine Corpinnat hanno optato per una vendemmia sicura, garantendo che tutte i lavoratori non abbiano sintomi sospetti e che dispongano di tutti gli strumenti di autoprotezione necessari per svolgere il lavoro con il minimo rischio. Sia attraverso il sistema sanitario pubblico o attraverso le cantine stesse, tutte le stagionali che partecipano alla vendemmia  sono state sottoposte a test PCR per escludere possibili infezioni.

Nonostante tutte queste battute d’arresto e grazie alla vendemmia manuale del 100%  la poca uva che entrerà nelle cantine in questa vendemmia è di buona qualità. La selezione delle uve in vigneto e la selezione prima della pigiatura sono altri due metodi per garantire i più alti standard di qualità. La produzione sarà influenzata in volume, ma la fornitura abituale è garantita, sebbene con un costo molto elevato sia per i viticoltori che per le cantine, che hanno i vini spumanti delle annate precedenti che richiedono mesi e anni di riposo in cantina per soddisfare il minimo invecchiamento prima di andare sul mercato: Corpinnat prevede un invecchiamento minimo di 18 mesi anche se tutte le cantine del marchio hanno in affinamento spumanti  per 30 mesi o più, dal momento che una delle caratteristiche qualificanti di questi metodo classico è proprio il potenziale di invecchiamento.

I viticoltori delle cantine Corpinnat concordano sul fatto che la crisi dell’oidio è stata una prova di resistenza per i coltivatori alla forza della natura che reagisce  ai cambiamenti climatici. In questo senso, sostengono che l’agricoltura biologica applicata contnui ad essere il modo per trovare l’equilibrio necessario che ci deve permettere di godere di vini spumanti eccezionali che rispettano il paesaggio e il territorio che li ha visti nascere e crescere, “e il modo migliore per garantire che la vite duri nel tempo nel Penedès e i nostri figli ricevano una terra sana e fertile“.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail