Farm to Fork. Come sarà l’alimentazione europea dei prossimi 30 anni?

(di Bernardo Pasquali). Mercoledì 20 maggio 2020 rimarrà nella storia agroalimentare dell’Unione Europea! Parte il progetto ampio e ambizioso Farm to Fork che rimane al centro del più grande Green Deal, il grande piano che stabilisce come rendere l’Europa il primo continente ad emissione zero entro il 2050. Persona sana, in una società sana, in un pianeta sano. Sono questi i capisaldi fondamentali del progetto rivoluzionario che condizionerà tutti i cittadini europei; un nuovo approccio globale alla sostenibilità alimentare. Migliorerà stili di vita, salute e ambiente. Porterà alla creazione di un sistema che faciliterà la scelta di diete sane e sostenibili, che andrà a beneficio della qualità della vita dei consumatori e ridurrà i costi relativi alla salute per la società. E’ il risultato di anni di politiche dell’UE, volte a proteggere la salute umana, animale e vegetale e degli sforzi di agricoltori, pescatori e produttori di acquacoltura. 

Questa strategia mira a premiare quegli agricoltori, pescatori e altri operatori della catena alimentare che hanno già subito la transizione verso pratiche sostenibili, consentendo la transizione per gli altri e creando ulteriori opportunità per le loro attività. L’agricoltura dell’UE è l’unico grande sistema al mondo che ha ridotto le emissioni di gas a effetto serra (GHG) del 20% dal 1990.

Analizziamo in maniera dettagliati i passaggi che rivoluzioneranno l’Europa alimentare di qua al 2050.

Riduzione della dipendenza dai pesticidi

È urgente ridurre la dipendenza da pesticidi e antimicrobici, ridurre l’eccesso di fertilizzazione, aumentare l’agricoltura biologica, migliorare il benessere degli animali e invertire la perdita di biodiversità. L’uso di pesticidi chimici in agricoltura contribuisce all’inquinamento del suolo, dell’acqua e dell’aria, alla perdita di biodiversità e può danneggiare piante, insetti, uccelli, mammiferi e anfibi. L’UE, attraverso un indicatore di rischio armonizzato, ha stabilito che si è ottenuta una riduzione del 20% del rischio derivante dall’uso di pesticidi negli ultimi cinque anni e, per questo, intraprenderà ulteriori azioni per ridurre l’uso complessivo e il rischio di pesticidi chimici del 50% e l’uso di pesticidi più pericolosi del 50% entro il 2030. Revisionerà la direttiva sull’uso sostenibile dei pesticidi; migliorerà le disposizioni sulla gestione integrata dei parassiti (IPM) e promuoverà un maggiore uso di metodi alternativi sicuri per proteggere i raccolti da parassiti e malattie. L’IPM incoraggerà l’uso di tecniche di controllo alternative, come la rotazione delle colture e il diserbo meccanico. La Commissione faciliterà inoltre l’immissione sul mercato di pesticidi contenenti sostanze attive biologiche e rafforzerà la valutazione del rischio ambientale dei pesticidi.

Favorire la decarbonizzazione

Le pratiche agricole che rimuovono la CO2 dall’atmosfera, contribuiscono all’obiettivo di neutralità climatica e dovrebbero essere premiate, tramite la politica agricola comune (PAC) o altre iniziative pubbliche o private (mercato del carbonio). Una nuova iniziativa UE sull’agricoltura del carbonio, nell’ambito del Patto climatico, promuoverà questo nuovo modello di business, che fornisce agli agricoltori una nuova fonte di reddito e aiuta altri settori a decarbonizzare la catena alimentare. L’economia circolare a base biologica è ancora un potenziale ampiamente non sfruttato per gli agricoltori e le loro cooperative. Ad esempio, le bio raffinerie avanzate che producono bio – fertilizzanti, mangimi proteici, bioenergia e biochimiche, offrono opportunità per la transizione verso un’economia europea neutrale dal punto di vista climatico e la creazione di nuovi posti di lavoro nella produzione primaria. Gli agricoltori, dovrebbero cogliere le opportunità per ridurre le emissioni di metano dal bestiame, sviluppando la produzione di energia rinnovabile e investendo in digestori anaerobici per la produzione di biogas da rifiuti agricoli e residui, come il letame.

Riduzione dei fertilizzanti del 20% entro il 2030. Arrivano gli insetti.

L’eccesso di sostanze nutritive (in particolare azoto e fosforo) nell’ambiente, derivante dall’uso eccessivo e dal fatto che non tutte le sostanze nutritive utilizzate in agricoltura sono effettivamente assorbite dalle piante, è un’altra fonte importante di inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua e degli impatti climatici. Ha ridotto la biodiversità in fiumi, laghi, zone umide e mari! La Commissione agirà per ridurre le perdite di nutrienti di almeno il 50%, garantendo nel contempo che non vi sia alcun deterioramento della fertilità del suolo. Ciò ridurrà l’uso di fertilizzanti di almeno il 20% entro il 2030. La Commissione faciliterà l’immissione sul mercato di additivi per mangimi sostenibili e innovativi. Esaminerà le norme dell’UE per ridurre la dipendenza da materie prime per mangimi critiche (ad es. Soia coltivata su terreni disboscati) promuovendo proteine ​​vegetali coltivate nell’UE e materie prime per mangimi alternative come insetti, stock di mangimi marini (ad es. Alghe) e sottoprodotti di la bioeconomia (ad es. scarti di pesce) 

Carne. -50% di uso di antimicrobici e antibiotici nell’alimentazione animale entro il 2030.

Per quanto riguarda la carne, tale revisione, dovrebbe concentrarsi su come l’UE può utilizzare il suo programma di promozione, per sostenere i metodi di produzione animale più efficienti in termini di emissioni di carbonio. Inoltre, valuterà rigorosamente qualsiasi proposta di sostegno accoppiato, nei piani strategici dal punto di vista della necessità di sostenibilità globale. La resistenza antimicrobica collegata all’uso eccessivo e inappropriato di antimicrobici nella sanità animale e umana, porta a circa 33.000 decessi umani nell’UE ogni anno e costi sanitari considerevoli. La Commissione adotterà pertanto misure per ridurre le vendite complessive dell’UE di antimicrobici per animali d’allevamento e in acquacoltura del 50% entro il 2030. I nuovi regolamenti sui medicinali veterinari e sui mangimi medicati prevedono una vasta gamma di misure per aiutare a raggiungere questo obiettivo e promuoverne uno Salute .

Obiettivo importante il benessere animale in etichetta

La Commissione rivedrà la legislazione sul benessere degli animali, anche in materia di trasporto e macellazione, per allinearla alle ultime prove scientifiche, ampliare il suo campo di applicazione, rendere più semplice l’applicazione e, in definitiva, garantire un livello più elevato di benessere degli stessi. La Commissione esaminerà inoltre le opzioni per l’etichettatura relativa al benessere degli animali per trasmettere meglio il valore attraverso la catena alimentare.

Al via le piante biotecnologicamente avanzate

I cambiamenti climatici comportano nuove minacce per la salute delle piante. La sfida della sostenibilità richiede misure per proteggere meglio le piante da parassiti e malattie emergenti e per l’innovazione. La Commissione adotterà norme per rafforzare la vigilanza sulle importazioni di piante e la sorveglianza sul territorio dell’Unione. Nuove tecniche innovative, compresa la biotecnologia e lo sviluppo di prodotti a base biologica, possono svolgere un ruolo nell’aumentare la sostenibilità, a condizione che siano sicure per i consumatori e l’ambiente, apportando benefici per la società nel suo insieme. Possono anche accelerare il processo di riduzione della dipendenza dai pesticidi. In risposta alla richiesta degli Stati membri, la Commissione sta conducendo uno studio che esaminerà il potenziale delle nuove tecniche genomiche per migliorare la sostenibilità lungo la catena di approvvigionamento alimentare. I sistemi alimentari sostenibili si basano anche sulla sicurezza e sulla diversità delle sementi. Gli agricoltori devono avere accesso a una gamma di semi di qualità per varietà vegetali adattate alle pressioni dei cambiamenti climatici. 

Un grande piano progettuale e finanziario per l’Agricoltura biologica. UE 25% Bio entro il 2030.

Il mercato degli alimenti biologici è destinato a continuare a crescere e l’agricoltura biologica deve essere ulteriormente promossa. Ha un impatto positivo sulla biodiversità, crea posti di lavoro e attira i giovani agricoltori. I consumatori riconoscono il suo valore. Il quadro giuridico sostiene il passaggio a questo tipo di agricoltura, ma è necessario fare di più e cambiamenti simili devono aver luogo negli oceani e nelle acque interne. Oltre alle misure della PAC, come gli ecosistemi, gli investimenti e i servizi di consulenza e le misure della politica comune della pesca (PCP), la Commissione presenterà un piano d’azione sull’agricoltura biologica. Ciò aiuterà gli Stati membri a stimolare sia la domanda che l’offerta di prodotti biologici. Garantirà la fiducia dei consumatori e aumenterà la domanda attraverso campagne di promozione e appalti pubblici verdi. Questo approccio contribuirà a raggiungere l’obiettivo di almeno il 25% dei terreni agricoli dell’UE coltivati ​​biologicamente entro il 2030 e un significativo aumento dell’acquacoltura biologica

Cambieranno gli ingredienti dei prodotti alimentari

La Commissione impegnerà le aziende e le organizzazioni alimentari per intraprendere azioni concrete in materia di salute e sostenibilità, concentrandosi in particolare su: riformulare i prodotti alimentari in linea con gli orientamenti per diete sane e sostenibili; ridurre la loro impronta ambientale e il consumo di energia diventando più efficienti in termini energetici; adattare le strategie di marketing e pubblicità tenendo conto delle esigenze dei più vulnerabili; garantire che le campagne sui prezzi alimentari non minino la percezione dei cittadini del valore del cibo; ridurre gli imballaggi in linea con il nuovo CEAP. Non saranno più tollerate campagne di marketing con pubblicità della carne a prezzi molto bassi.

Basta sprechi alimentari e nuovi materiali a contatto con gli alimenti

La Commissione rivedrà la legislazione sui materiali a contatto con gli alimenti per migliorare la sicurezza alimentare e la salute pubblica, in particolare nel ridurre l’uso di sostanze chimiche pericolose; sosterrà l’uso di soluzioni di imballaggio innovative e sostenibili utilizzando materiali ecologici, riutilizzabili e riciclabili e contribuirà alla riduzione degli sprechi alimentari. La Commissione si è impegnata a dimezzare lo spreco alimentare pro capite al dettaglio e al consumo entro il 2030

Massima tutela del consumatore in etichetta

Per consentire ai consumatori di effettuare scelte alimentari informate, sane e sostenibili, la Commissione proporrà un’etichettatura nutrizionale obbligatoria armonizzata sul fronte dell’imballaggio e prenderà in considerazione di proporre l’estensione di indicazioni obbligatorie di origine o di provenienza a determinati prodotti, tenendo pienamente conto degli impatti su il mercato unico. La Commissione esaminerà inoltre i modi per armonizzare le dichiarazioni ecologiche volontarie e creare un quadro di etichettatura sostenibile che copra, in sinergia con altre iniziative pertinenti, gli aspetti nutrizionali, climatici, ambientali e sociali dei prodotti alimentari. La Commissione esplorerà inoltre nuovi modi per fornire informazioni ai consumatori attraverso altri mezzi, incluso il digitale, per migliorare l’accessibilità delle informazioni sugli alimenti, in particolare per i non vedenti.

Accesso a Internet a tutte le aziende agricole entro il 2025

Tutti gli agricoltori e tutte le aree rurali devono essere collegati a Internet veloce e affidabile. Questo è un fattore chiave per l’occupazione, le imprese e gli investimenti nelle aree rurali, nonché per migliorare la qualità della vita in settori quali l’assistenza sanitaria, l’intrattenimento e l’e-government. L’accesso a Internet a banda larga veloce consentirà inoltre di integrare l’agricoltura di precisione e l’uso dell’intelligenza artificiale. Consentirà all’UE di sfruttare appieno la sua leadership globale nella tecnologia satellitare. Ciò comporterà in definitiva una riduzione dei costi per gli agricoltori, il miglioramento della gestione del suolo e della qualità dell’acqua, la riduzione dell’uso di fertilizzanti, pesticidi e emissioni di gas a effetto serra, il miglioramento della biodiversità e la creazione di un ambiente più sano per agricoltori e cittadini. La Commissione intende accelerare il lancio di Internet a banda larga veloce nelle zone rurali per raggiungere l’obiettivo del 100% di accesso entro il 2025.

@bernipasqu on Twitter

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail