Da architetto ad allevatore di una razza di galline in Lessinia. Una storia d’amore tra animale e uomo che supera i confini della modernità.

(di Donatella Dal Maso). Enrico Morando, architetto, NON è un imprenditore agricolo convenzionale. Tutto ha inizio nel 2010 quando con due amici, decide di battezzare la “rinascita” di una gallina, autoctona nei nostri territori negli anni 40 e poi scomparsa, chiamandola “La Grisa della Lessinia”. Paffutella, bianca e nera, molto mansueta, la Grisa ora è allevata nell’azienda Le Bellette a Mezzane di Sotto in maniera estensiva ossia con un grande spazio in cui ogni singolo animale può felicemente vivere. 

Quante galline hai attualmente? 

Ne contiamo circa 800:in una grande stalla crescono dinamicamente, possono mangiare, bere e dormire tranquille ed uscire poi a razzolare all’esterno, il mattino, in un enorme spazio verde. Vengono nutrite con mangimi non OGM, integrati da me con pane secco, frutta di stagione ed erbe spontanee: le uova sono strepitose, con un albume gelatinoso che a fatica si separa dal tuorlo ed anche le loro carni sono buonissime, sapide e tenere.

Vedo che fai tutto da solo 

Ero un professionista affermato ma stanco, mentalmente più che fisicamente e non ero soddisfatto. Così non è stato difficile prendere una decisione di “pancia” e mollare lo studio di architettura, per rilevare nel 2016 le quote dei mie due amici/soci diventando titolare dell’azienda. Attualmente lavoro 365 giorni l’anno e a 360gradi ed effettivamente talvolta sono sfinito ma in questi quattro anni mai mi sono pentito della mia scelta: arrivare in azienda e vedere le mie galline razzolare felici è una gioia senza paragoni.

Quindi il gioco vale la candela? 

Non si diventa ricchi nella comune accezione del termine ma si riesce ad avere un discreto margine per condurre una vita più che dignitosa

Nessuna presenza costante sui social né un sito web ma come fai a farti conoscere? 

Ecco è proprio questo il punto: sono felice che le persone apprezzino il mio prodotto e che lo ritengano un’eccellenza ma non posso e soprattutto non voglio ingrandirmi ulteriormente per acquisire nuovi clienti. La mia produzione è sufficiente solo per i canali a cui già distribuisco il prodotto

Hai un bellissimo packaging, sicuramente di nicchia 

Certo non sono le uova del market!! Riesco tuttavia a mantenere un giusto rapporto qualità/ prezzo ed il cofanetto trandy l’ho studiato io, retaggio della mia vecchia professione (ride)

E con la pandemia hai avuto una flessione? 

Paradossalmente ho avuto invece un incremento, con il lockdown l’uovo di qualità è diventato un bene prezioso. 

Ma se ti vogliamo incontrare? 

Tutti i sabati al mercatino di Arbizzano oppure sul sito Facebook La Grisa

Mi prometti però di aggiornarlo un po’ più spesso? 

(ride) dai, farò uno sforzo

All happiness depends on courage and work (ct Honorè de Balzac), Enrico!

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail